Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. OK Maggiori informazioni
Casa di cura Villa Salus - Messina

Attività

Il Decreto Legislativo n. 231 del 2001 ha introdotto la responsabilità in sede penale delle Società per alcuni reati commessi nell`interesse o a vantaggio degli stessi, da persone che rivestono funzione di rappresentanza amministrazione e direzione delle Società e da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di uno dei soggetti sopra indicati, pertanto, di tutti coloro che appartengono e svolgono attività per conto dell`ente o società.
Al fine di ottenere l`esonero da responsabilità per la Società – per i soggetti operanti in posizione apicale e per coloro sottoposti all`altrui vigilanza - la legislazione prevede tra l`altro, di adottare prima della commissione del fatto:
- modelli organizzativi e gestionali idonei a prevenire reati,
- costituire un organismo dell`ente con compito di vigilare efficacemente sul funzionamento e sull`osservanza dei modelli, nonché curare il loro aggiornamento,
- definire i modelli di organizzazione e gestione, essere in grado di evitare la commissione del reato se non mediante l`elusione fraudolenta dei modelli stessi,
- individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi tali reati,
- prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l`attuazione delle decisioni dell`ente in relazione ai reati da prevenire,
- individuare la modalità di gestione delle risorse finanziare idonee ad impedire la commissione di reati.
Come previsto dal D.Lgs. 231/01 l`esonero dalla responsabilità oltre all`adozione e dell`efficace attuazione del modello è necessaria l`istituzione di un Organismo di Vigilanza , interno alla Società e munito di specifici poteri, a cui affidare il compito di vigilare sul funzionamento del modello stesso nonché curarne l`aggiornamento e gestire le segnalazioni (secondo quanto previsto dall`art.6 comma 1 lett. B).
L`Organismo di Vigilanza, per garantire la propria autonomia ed indipendenza è collocato al massimo vertice aziendale e dotato di specifiche risorse, con i soli compiti di sorveglianza, senza poter assolutamente inferire nell`organizzazione e nella gestione della Società.
L`Organismo di Vigilanza è regolato nel suo comportamento dallo stesso Modello che lo ha istituito, dove sono indicate:
- le funzioni ed i poteri;
- la durata in carica e la decadenza,
- la composizione e i requisiti di eleggibilità,
- le modalità di riunione,
- la gestione delle comunicazioni e segnalazioni agli organi competenti in entrata ed in uscita,
- la registrazione delle attività svolte.

chiudi